Rottamazione cartelle e Fondo Pmi – il testo del decreto fiscale

Rottamazione cartelle e Fondo Pmi – il testo del decreto fiscale

Approda in Gazzetta ufficiale il decreto fiscale n. 148-2017. Operativo da subito il tax credit pubblicità, che si applica anche agli investimenti sulle testate online.download (3)

Il decreto-legge n. 148-2017 contiene almeno due misure molto attese da cittadini e imprese. Vi rientra, infatti, la riapertura dei termini per la rottamazione delle cartelle fiscali. E, insieme a questo, il rifinanziamento del Fondo di garanzia per le Pmi.

Ma non solo. Entrano nel provvedimento anche interventi sulle missioni  militari, la bonifica di Bagnoli, l’estensione dello split payment, la sospensione dei versamenti fiscali nell’area di Livorno, un nuovo prestito ad Alitalia e un nuovo fondo dedicato espressamente alle imprese con sede nel Mezzogiorno.

Le novità sulla rottamazione

La nuova fase della rottamazione delle cartelle  fiscali riguarda anzitutto i ruoli pendenti nel 2017, dal primo gennaio al 30 settembre scorso.

Il funzionamento del meccanismo sarà simile a quello sperimentato finora. Il pagamento potrà, quindi, essere effettuato con un massimo di cinque rate di pari importo, da versare tra luglio del 2018 e febbraio del 2019.

La nuova procedura

Sarà l’Agenzia delle Entrate a proporre ai contribuenti, come era stato nella vecchia versione, un elenco di importi da pagare, consultando gli elenchi delle cartelle pendenti.

Il contribuente potrà chiedere di aderire a questa nuova fase della rottamazione entro il 15 maggio del 2018.

La riapertura dei termini

Anche per le vecchie cartelle ci sarà, poi, una riapertura dei termini per effettuare i versamenti. In sostanza, tutti i cittadini che avevano presentato richiesta e avevano ottenuto un piano di rateizzazione di vecchie cartelle, senza però pagare gli importi dovuti, potranno aderire di nuovo alla rottamazione, effettuando i pagamenti.

Estensione dello split payment

Il testo contiene anche diverse novità in materia di Iva. Viene anticipata la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia, uno dei pezzi fondamentali della legge di Bilancio. E arriva l’estensione del meccanismo dello split  payment: in questo modo sarà possibile recuperare un gettito più elevato.

Il Fondo di garanzia per le Pmi

Arrivano, poi, 550 milioni per incrementare la dotazione del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese: nello specifico, si tratta di 350 milioni di euro per l’anno 2017 e di 200 milioni di euro per l’anno 2018. Sono risorse che serviranno per facilitare i finanziamenti a beneficio delle Pmi.

Il fondo per le imprese del Sud

Una finalità simile avrà il fondo per le imprese del Sud: sarà dedicato a sostenere le Regioni Abruzzo,  Basilicata,  Calabria,  Campania,  Molise,  Puglia,  Sardegna e Sicilia. Il plafond avrà una dotazione iniziale di 150 milioni di euro e avrà come obiettivo prioritario la crescita dimensionale delle Pmi dell’area.

Bonus pubblicità

Per le imprese dell’editoria arriva l’estensione del bonus  pubblicità anche alle testate on line. Lo sconto, introdotto dalla manovrina, prevede una detrazione al 75%, che arriva al 90% per le microimprese. Si applica alle spese pubblicitarie in aumento di almeno un punto percentuale rispetto all’anno precedente. Secondo il decreto fiscale, questo allargamento sarà addirittura retroattivo e scatterà da giugno del 2018.

La bonifica di Bagnoli

Ancora, arrivano risorse per la bonifica e il rilancio di Bagnoli: si tratta di 164 milioni per tutto il 2017. Mentre per la rigenerazione urbana di Matera saranno messi a disposizione altri 3 milioni di euro. A Livorno e negli altri Comuni colpiti dall’alluvione del 9 e 10 settembre (Rosignano Marittimo e Collesalvetti) saranno sospesi fino al 16 ottobre del 2018 tutti gli adempimenti fiscali e contributivi.

Le altre misure

Infine, nel provvedimento è previsto il rifinanziamento delle missioni  internazionali all’estero. Ma non solo: tutte le forze di polizia saranno interessate da un nuovo maxi piano di assunzioni  straordinarie. Ad Alitalia viene concesso un ulteriore prestito di 300 milioni di euro.

Introdotte anche misure per i giochi, con un aumento del gettito previsto già nel 2017. E per le missioni in materia di immigrazione. Le prefetture invieranno personale all’estero per attuare gli accordi internazionali del nostro paese e mettere in campo azioni di contrasto al terrorismo.

Decreto-legge n. 148-2017 – Disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *